Roberto Cormanni
Roberto CormanniFULL INSTRUCTOR

Inizia la pratica del Karate stile Shotokan nel 1985 presso la palestra Shindokai di Albenga, sotto la guida del maestro Denis Dicic.  Lo studio del Karate è abbinato allo studio del Kobudo e delle armi tradizionali Giapponesi sotto la direzione di diversi maestri ed istruttori . Nel 1988 durante la leva militare durata 2 anni affianca alla pratica del KARATE lo studio dell’AIKIDO della MUHAI THAI e del bastone Siciliano.  Nei primi anni novanta si aggiunge lo studio dello stile Shito Ryu ad opera del Maestro Bruno da Boit. Per lavoro nel 1999 si sposta a Milano dove studia CAPOEIRA sotto la direzione del Mestre Luis De Oliveira.  Sempre a Milano frequenta il Dojo del maestro Miura continuando lo studio del Karate . Nell’anno 2000 consegue il grado di cintura nera all’interno della Libertas sotto la direzione del Maestro Bruno Da Boit . Nel 2001 gli viene conferita la qualifica di Allenatore di Karate sempre in Libertas da parte del Maestro Da Boit . Nel 2001 inizia la pratica del KALI stile Lacoste, Inosanto e Arku Tai Pa e parallelamente anche il Jeet Kune Do sotto la direzione del maestro Francesco Spinelli (allievo del maestro Delio Murru).  Nel 2009 incontra il maestro filippino Arnel Zamuco e con esso inizia lo studio di altri stili tra i quali Filipino Combat System . Nell’anno 2010 riceve il grado di cintura nera e qualifica di istruttore da parte del Maestro Spinelli. . Dal 2011 inizia lo studio dello stile filippino Doce Pares sotto la direzione del Maestro Danilo Huertas e Arnel. Nel 2014 insieme al Maestro Zamuco ed altri studiosi di FMA, fonda la Tribe al fine di portare avanti la diffusione delle arti marziali e della cultura filippina ed in particolare lo stile Evalution del Maestro Pableo. Sempre dal 2014 è referente per la provincia di Savona del sistema Tribe ed Evalution. 

Negli anni mantiene rapporti di collaborazione e studio con maestri di altre discipline quali il Kung Fu Wu Tao (M° Porro Carlo) e il Kung Fu Tuei Chou (M° Roberto Civallero). 
Lo studio del Kobudo e del Budo tradizionale viene portato avanti nel tempo seguendo diverse linee di studio di diverse scuole quali Matayoshi, ShoreiKai e Yamani. 

Alle capacità e studi marziali affianca anche lo studio formale dell’essere umano tramite percorsi istituzionali che lo portano ad essere un Volontario Soccorritore di Croce Rossa Italiana dal 2002 ed un Operatore Socio Sanitario certificato dalla scuola infermieristica dell’ospedale Santa Corona nel 2006. 

La ricerca interiore ed esteriore avviene per mezzo dello studio dei classici indiani, giapponesi e in particolare cinesi. Su quest’ultimi in particolare approfondisce l’etica Confuciana fonte di ispirazione e guida personale. 

“Ritengo fondamentale che la pratica marziale venga accompagnata dallo studio e lo sviluppo di un’etica senza la quale la capacità di agire sarebbe pari a quella di un animale istintiva e non correttamente finalizzata con il rischio di trascendere di fronte alle situazioni della vita.” 

FMA-TRIBE